Archivi categoria: Segnalazioni e annunci

IL 27 GENNAIO É LA GIORNATA DELLA MEMORIA. LA SHOAH É UN LUTTO INCANCELLABILE PER L’UMANITÁ TUTTA

Myosotis sylvatica compacta 'Victoria light-blue' - SeedScape

Il 27 gennaio del 1945 le truppe sovietiche dell’Armata Rossa fecero irruzione nel campo di Auschwitz e per la prima volta fu alzato il sipario sull’immenso ed inimmaginabile orrore dei lager nazisti. Ogni anno dal 2005 (in Italia dal 2000) sulla base di una risoluzione delle Nazioni Unite si celebra in quella data la Giornata della Memoria, per ricordare le vittime dello sterminio attuato dalla Germania nazista e dai suoi alleati: miilioni di persone, ebrei,  zingari, omosessuali, disabili, massoni, rom, sinti, jenish, testimoni di Geova, pentacostali, minoranze slave delle regioni occupate nell’Europa orientale. Un lutto incancellabile per il mondo intero.

Il valore della pace

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale l’Occidente si impegnó solennemente a fare il possibile per evitare che quell’ Olacausto potesse ripetersi. Si impegnó a mai dimenticare. Una promessa che oggi sembra vacillare dinanzi ai conflitti che infuriano non troppo lontano da noi, dinanzi alla loro insensata brutalitá, alle stragi di civili, ai massacri di innocenti, alla scia inarrestabile di sangue. Il mondo sembra aver dimenticato il valore della pace. Quel valore che é intrinseco nella Giornata della Memoria, ne rappresenta il significato autentico attraverso l’ immane dolore, di cui é espressione, che deve farci riscoprire il senso vero della fratellanza, solo antidoto ai razzismi.

Le pietre d’inciampo
E se a Roma finalmente nascerá il Museo della Shoah, Empoli si è fatta avanti proponendosi come sede del Progetto delle Pietre d’Inciampo, che prevede la realizzazione di un archivio in cui saranno raccolte foto, storie e testimonianze delle vittime dell’Olocausto, e di una mappa interattiva dove si potranno vedere le ubicazioni di tutte le targhe incastonate nelle strade del territorio per ora della Toscana. Un patrimonio che sarà disponibile sia online che in formato cartaceo. La speranza è che altre cittá seguano l’esempio e si mettano in rete. Le pietre di inciampo sono piccoli blocchi quadrati di pietra (10×10 cm), ricoperti di ottone lucente, posti davanti la porta della casa nella quale ebbe ultima residenza un deportato nei campi di sterminio nazisti: ne ricorda il nome, l’anno di nascita, il giorno e il luogo di deportazione, la data della morte. In Europa ne sono state installate già oltre 70.000, la prima a Colonia, in Germania, nel 1995 su iniziativa dell’artista Gunter Demnig (nato a Berlino nel 1947) come reazione a ogni forma di negazionismo e di oblio, al fine di ricordare tutte le vittime del nazifascismo, che per qualsiasi motivo siano state perseguitate: religione, razza, idee politiche, orientamenti sessuali. Grazie a un passa-parola tanto silenzioso quanto efficace, oggi si incontrano Pietre d’Inciampo in oltre 2.000 città in Austria, Belgio, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lituania, Lussemburgo Norvegia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Ucraina e Ungheria.

I massoni nei lager
Duecentomila si stima finora siano stati i liberi muratori che nei paesi occupati dalla Germania il regime di Hitler perseguitò e deportò, a partire dal 1934, distruggendone le logge, sequestrando beni e documenti, gran parte dei quali oggi sono stati ritrovati a Poznan in Polonia, dove gli studiosi li stanno catalogando e
riordinando. Per mettere in atto la repressione massonica il Terzo Reich costituì una sezione speciale ad hoc, la II/111 del Servizio di sicurezza delle SS, sotto la direzione di Heinrich Himmler. Nei lager i massoni, al pari degli altri detenuti politici dovevano indossare un triangolo rosso mentre la stella di Davide era riservata agli ebrei, il triangolo rosa agli omosessuali, quello viola ai testimoni di Geova…quello marrone agli zingari. Ma oggi il simbolo che commemora quei fratelli martiri è il Non ti scordar di me, fiore che in Germania durante gli anni delle persecuzioni veniva utilizzato dai liberi muratori che operavano in clandestinità come segno di riconoscimento. Recentemente è stato scoperto che all’interno della Baracca 6 del campo di concentramento nazista di Emslandlager VII, in Bassa Sassonia, si era costituita il 15 novembre del 1943, la loggia Liberté chérie, Amata Libertà. A fondarla in quel momento così drammatico erano stati sette liberi muratori detenuti politici. Il bellissimo nome che le fu dato riecheggia le parole dellaMarsigliese. La leggendaria officina apparteneva all’obbedienza massonica del Grande Oriente del Belgio, con il numero d’immatricolazione 29bis.

E’ APPENA USCITO “ANTICHI DOVERI, ETERNI VALORI”, IL NUOVO LIBRO DEL GRAN MAESTRO STEFANO BISI. IL VOLUME RACCOGLIE TUTTE LE SUE ALLOCUZIONI DAL 2014 AL 2023

E’ appena uscito “Antichi doveri, eterni valori”, il nuovo libro del Gran Maestro Stefano Bisi. Il volume raccoglie tutte le sue allocuzioni dal 2014 al 2023

E’ appena uscito con Perugia Libri “Antichi Doveri Eterni Valori”, un volume che contiene la raccolta completa delle allocuzioni del Gran Maestro Stefano Bisi dal 2014 al 2023. E’ possibile acquistarne una copia attraverso il sito Erasmonotizie.it, oppure telefonando al numero 335.347260, o ancora, via email, scrivendo all’indirizzo giampaolo.pagiotti@gmail.com

Ecco di seguito la premessa al volume a firma del GM

“Sembra ieri eppure sono passati più di 41 anni da quel 24 settembre del 1982 quando salii le scale del palazzo austero ed elegante di via Montanini 101 per essere iniziato nella loggia Montaperti del Grande Oriente d’Italia. Rivedo le facce di coloro che mi avevano accolto nel tempio dei liberi muratori. C’erano Marco il venerabile, Romano l’oratore, e tra le colonne Roberto e Guido i giornalisti, Nilo il bancario, Carlo e Graziano i dentisti, Luciano il bancario, Beppe e Cesare i medici, Mario l’informatore farmaceutico, Pier Guido il commerciante, Luigi il geometra e Dino il pensionato del distretto militare. Era la mia loggia madre e tale è ancora.
Avevo i capelli e un vestito blu, camicia bianca e cravatta di maglia, come andavano di moda in quegli anni sconvolti dal terrorismo e dalla P2. Quella sera, con le gambe un po’ tremolanti, non pensavo che 15 anni dopo sarei diventato il maestro venerabile, dopo 25 presidente del collegio della Toscana e dopo 32 addirittura gran maestro della più antica e numerosa comunione massonica italiana. Eppure così è successo.

Ho portato anche io un mattone lungo dieci anni nella gloriosa storia del Grande Oriente d’Italia e ho voluto rivivere questi anni avventurosi e affascinanti, tumultuosi e romantici rileggendo le allocuzioni delle gran logge e degli equinozi d’autunno. È un modo, anche questo, per portare la storia nel futuro. Le radici sono buone se siamo riusciti ad attraversare mari in burrasca. Vanno conservate, consolidate, sviluppate e migliorate. L’obiettivo quando è cominciato il percorso era consegnare una comunione migliore di come l’ho trovata. Tutti assieme, credo, che ci siamo riusciti. Siamo già nel futuro”.

IN MEMORIAM – FRANCO SANNIA

FRANCO SANNIA

(Nuoro 25 Marzo 1944 – Torino 10 Ottobre 2023)

La R:.L:. Camillo Cavour numero 16 all’Oriente di Torino abbruna il proprio Labaro per il passaggio all’Oriente Eterno del carissimo Fratello FRANCO SANNIA, già Consigliere dell’Ordine.

L’Ispettorato Regionale per il Piemonte e la Valle d’Aosta del Rito Scozzese Antico ed Accettato abbruna il proprio Labaro per l’improvviso passaggio alle Valli Celesti del Potentissimo Fratello FRANCO SANNIA  S:.G:.I:.G:. del 33° ed ultimo grado del R:.S:.A:.A:., già Ispettore Regionale per il Piemonte e la Valle d’Aosta. 

Franco era amante del bello; carattere estroverso, gioviale ed ironico, attento partecipe alla vita della Massoneria. Aveva una passione per la marineria e le auto sportive: notevole una sua Porsche Carrera color ciclamino. Era Direttore di una importante Agenzia di pubblicità, marketing e comunicazione: la All-Media di Torino.

Lascia un vuoto nel cuore di coloro che l’hanno conosciuto, stimato ed amato.

 

IL MANIFESTO DEL XX SETTEMBRE 2023. LA STORIA NEL FUTURO

Il Manifesto del XX Settembre 2023.

La Storia nel futuro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stiamo vivendo una fase delicata della storia dell’umanità, contrassegnata sempre più da profondi cambiamenti a tutti i livelli. La pandemia, la crisi energetica, i mutamenti climatici, le conseguenze della guerra fra Russia e Ucraina, e la rivoluzione digitale hanno prodotto e continueranno a esercitare in futuro scenari e condizioni che muteranno il nostro modo di vita quotidiano e influenzeranno anche in maniera significativa il mondo del lavoro e l’attività produttiva affidata ora alla persona. In particolare il ricorso alla cosiddetta Intelligenza Artificiale è destinato ad aumentare in modo esponenziale in un futuro prossimo modificando il concetto stesso di tanti lavori che saranno affidati a macchine pensanti, a robot in grado di sostituire l’uomo e di interagire sotto il suo controllo.
Da quando il geniale matematico inglese Alan Turing nel 1950 creò la sua “macchina” di calcolo logico, in pratica il primo computer, aprendo la strada a tutto quello che vediamo oggi, il progresso è stato costante come la domanda “ma le macchine possono pensare?” che Turing si pose allora e che continua far riflet-tere e discutere.
L’Intelligenza Artificiale sarà motivo di benessere ed ulteriore sviluppo della no-stra prosperità oppure potrà, se non usata in modo equilibrato, generare ulteriori conflitti occupazionali? È questo l’interrogativo e al tempo stesso anche la sfida più importante che ci attende e che sottoponiamo all’attenzione di tutti in questa ricorrenza del XX settembre, data epica per questa nostra amata nazione. Con una rassicurante certezza: nessuna macchina, per quanto sofisticata, potrà sosti-tuire il cervello umano, il pensiero e la coscienza della persona. Nessun robot può fare domande. Nessun robot verserà mai una lacrima.

Viva la Libertà
Viva la Laicità
Viva il Grande Oriente d’Italia Il Gran Maestro

Stefano Bisi

(dal sito web del GOI)

 

ANNIVERSARI. NEL SEGNO DI SIMON BOLIVAR, IL LIBERTADOR

ANNIVERSARI.
NEL SEGNO DI SIMON BOLIVAR,
IL LIBERTADOR

Il 24 luglio 1783 nasceva a Caracas, in Venezuela, una delle figure più influenti nella storia dell’America Latina: Simon Bolivar, il Libertador, l’uomo che nel XIX secolo guidó la lotta per l’indipendenza dei paesi  sudamericani contro il dominio coloniale spagnolo nel XIX secolo. Aveva 20 anni quando nel 1803 venne iniziato alla  Massoneria, nella loggia Lautaro a Cadice, in Spagna, dove conobbe due protagonisti della Rivoluzione bolivariana, José de San Martín e Mariano Moreno, anche loro liberi muratori. Nel maggio 1806, a Parigi divenne anche Gran Maestro della Loggia Madre di San Alessandro di Scozia.  Bolivar proveniva da una famiglia benestante e aristocratica che lo mandó a  studiare in Europa, dove ebbe l’opportunità di entrare in contatto con la cultura e la filosofia illuminista che alimentavano il fuoco della ribellione che bruciava dentro di lui, fuoco che una volta tornato in patria lo trasformò in un vero eroe della storia. La morsa del dominio coloniale spagnolo stringeva la regione e fu Bolivar a guidare la rivoluzione venezuelana, lottando per liberare il suo paese dall’oppressione straniera. La sua abilità militare si manifestò nella famosa “Campagna Admirable” (1813) una serie di audaci manovre militari che resero indipendente gran parte del Venezuela e gli fecero guadagnare il titolo di El Libertador. Il 6 agosto 1825 l’Alto Perù divenne un nuovo Stato con il nome di “Repubblica di Bolívar”, successivamente cambiato in Bolivia; il progetto d’indipendenza del Sudamerica dalla Spagna, a cui Bolívar aveva dedicato la sua intera vita, era finalmente completo. Ma il suo spirito appassionato lo portó oltre i confini del Venezuela. Bolivar attraversó le frontiere per liberare i paesi vicini dall’oppressione spagnola. Combatté in Colombia, Ecuador, Perù e Bolivia, cercando di creare un’unione di nazioni libere e sovrane che chiamò la “Grande Colombia”. La sua aspirazione era quella di creare una federazione di stati sudamericani, uniti dai valori di libertà, indipendenza, uguaglianza e fratellanza. Un sogno improntato ai principi della Libera Muratoria che grande influenza esercitarono su di lui, sulla sua visione del futuro, durante tutto il corso della sua vita.

30 Luglio 2023  –  (dal sito web del GOI)

EQUINOZIO D’AUTUNNO – XX SETTEMBRE. APPUNTAMENTO AL VASCELLO IL 23 SETTEMBRE 2023

EQUINOZIO D’AUTUNNO

XX SETTEMBRE

APPUNTAMENTO AL VASCELLO

IL 23 SETTEMBRE 2023

Appuntamento al Vascello per le tradizionali celebrazioni del XX Settembre e dell’Equinozio d’Autunno. Sono in agenda invece per mercoledí 20 le cerimonie al Gianicolo davanti al monumento di Garibaldi e di Anita e a Porta Pia.

Nel pomeriggio seguiranno le presentazioni di due volumi: “Il fuoriuscito. Storia di Formiggini, l’editore suicida contro le leggi razziali di Mussolini” di Marco Ventura, edito da Piemme; “Garibaldi ‘el libertador”. Vita e leggenda di un italiano che ha fatto la storia. I suoi sette anni in Uruguay (1841 1848)” di Federico Guiglia (Parco Esposizioni Novegro). Sabato 23 avranno luogo le premiazioni dei vincitori delle Borse di studio Treves e Mondina.

IL 20 LUGLIO 2023 A LIVORNO LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “DALL’OBLIO ALLA MEMORIA”, L’ULTIMO SAGGIO DI MASSIMO BIANCHI, GMO

Il 20 Luglio 2023 a Livorno la presentazione del libro “Dall’oblio alla memoria”, l’ultimo saggio di Massimo Bianchi, GMO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 20 luglio alle 18 alla Bcc di Castagneto Carducci (via Rossini 2 A) a Livorno sará presentato l’ultimo saggio del Gran Maestro Onorario Massimo Bianchi “Dall’oblio alla memoria”  edito da Angelo Pontecorboli, con la prefazione di Paolo Giustini, la presentazione dell’assessore alle culture del Comune di Livorno Simone Lenzi e l’introduzione del Gran Maestro Stefano Bisi, che parteciperá all’evento, organizzato dalla loggia Adriano
Lemmi n.704, e di cui riportiamo l’introduzione al volume.

La storia è testimone dei tempi,luce della verità,vita della memoria,maestra della vita,nunzia dell’antichità”scrisse Marco Tullio Cicerone. E mai definizione a distanza di secoli risulta più azzeccata di questa. Grazie ad essa si tramandano fatti,avvenimenti ,pensieri,azioni e opere  di personaggi che hanno contributo a farla,a scriverla .A livello  nazionale e locale. Storie di uomini  e uomini con tante storie alle spalle. Storie di cittadini e nel caso di questa pregevole pubblicazione  soprattutto di massoni del Grande Oriente d’Italia.

L’infaticabile Massimo Bianchi, nell’ultima sua fatica letteraria ,ci delizia con questo  ennesimo libro che rende omaggio ai tantissimi liberi muratori livornesi.Si tratta di personaggi che hanno fortemente inciso nel corso della loro esistenza sulla vita del territorio e della città labronica dando luogo a tutta una serie di iniziative e di associazioni che hanno fortemente contribuito  al miglioramento e allo sviluppo della Società proiettandosi sino ai giorni nostri grazie ai forti principi di Libertà,Uguaglianza ,Fratellanza,Solidarietà e mutuo soccorso di cui sono stati e sono fecondi diffusori di luce.

E’ giusto ricordare questi fratelli fra fratelli che hanno  fondato mattone su mattone e retto con passione,coraggio e saggezza le officine livornesi permettendo di tramandarne ai posteri tradizione e valori. Massimo ha raccolto con pazienza e cura i nomi dei liberi muratori del passato setacciandone la vita e l’impegno civico e massonico per poi vergare con il cuore queste pagine e unirle con la malta fraterna dell’amore.

Così adesso tutti,non solo i continuatori ed eredi spirituali di oggi,ma anche chi dell’istituzione non fa parte ma ne studia i principi e capisce l’enorme valenza della Massoneria,potrà ricordare con l’orgoglio della memoria e la giusta riconoscenza i tanti massoni che fecero Livorno ed hanno partecipato a renderla grande. Tirati fuori dall’oblio del tempo per sempre”.

 

“Garibaldi e il mare”. Dal 7 al 9 Luglio 2023 si é tenuto a Roma il XII Meeting Mondiale delle logge intitolate all’Eroe dei due mondi

“Garibaldi e il mare”. Dal 7 al 9 Luglio 2023 si é tenuto a Roma il XII Meeting Mondiale delle logge intitolate all’Eroe dei due mondi

Sabato 8 luglio, alle 15, a Roma, presso l’Hotel NH Collection, in Corso d’Italia, si é tenuta la tornata rituale, alla quale ha partecipato il Gran Maestro Stefano Bisi, momento clou del XII Meeting Mondiale delle Logge Garibaldi, evento organizzato quest’anno dalle officine della capitale Garibaldi Pisacane Da Ponza Hod n. 160 e Giuseppe Garibaldi n. 1188 .

“Garibaldi e il mare” é stato il tema della manifestazione che si é articolata in tre giornate: 7, 8 e 9 luglio 2023. L’evento, varato nel 2010, ha cadenza annuale e si propone di riunire i fratelli di tutte le officine regolari del mondo che portano il nome del Primo Massone d’Italia. La conferenza di apertura si é tenuta venerdí sera a Casa Nathan, ed é stata seguita dalla cerimonia di deposizione di fiori dinanzi al monumento di Garibaldi al Gianicolo. Dedicata alle visite guidate su richiesta degli ospiti la giornata di domenica.